Home | Forum | English Presentation | Ricerca | Contact
Presentazione

Pubblicazioni
ITALIA SACRA DIIS TELLUS

 

L'ERCOLE ITALICO

Documento PDF, 2,40 Mb


RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

da "Arthos" n. 12 nuova serie (2004), pp. 247-253

Questo testo è anche disponibile in versione PDF (168 Kb).

La raccolta di saggi di Adriano Romualdi, Gli Indoeuropei: origini e migrazioni (Edizioni di Ar, Padova 2004, II ed., pp. 176, ill., € 20,00), costituisce, dalla sua prima edizione nel 1978, un'ampia introduzione di carattere divulgativo ai punti più controversi della ricerca sugli Indoeuropei: formazione, antropologia fisica, connotati spirituali, espansione geografica e destino di un popolo le cui origini si perdono nella più remota preistoria e in cui affondano le radici della nostra cultura.

Questa edizione comprende un saggio introduttivo nel quale Fabrizio Sandrelli vuole esorcizzare le eventuali contestazioni alle conclusioni dell'Autore "talvolta discordanti da quelle della ricerca attuale sugli Indoeuropei, considerando, tra l'altro, che ben pochi sono i testi di carattere 'scientifico' che superano indenni l'esame del tempo e il progredire delle conoscenze". Giustamente si rileva che i tentativi di dissolvere il cosiddetto "miraggio indoeuropeo", come quelli di Giovanni Semerano, "non sembrano indenni da petizioni di principio o da pregiudiziali ideologiche più o meno esplicite". Ma qualche nota di aggiornamento non avrebbe guastato. Siamo convinti che, proprio per le non comuni doti intellettuali ed il suo rigore, Romualdi stesso avrebbe ripresentato i saggi di questa raccolta (redatti tra il 1969 ed il '73) con le opportune modifiche e/o note integrative.

Certe aperture sui Liguri ("...si può parlare d'una parziale indoeuropeizzazione dei Liguri") e sugli Etruschi ("...si può pensare ad un assorbimento delle correnti italiche da parte del ricco substrato appenninico. L'etrusco ne conserva tracce nel vocabolario...") non trovavano le naturali conseguenze a causa del presunto matriarcato che ancora condizionava l'allora giovane intellettuale. A tal proposito, a beneficio dei nostri lettori, ci permettiamo ricordare quanto scrive al riguardo Mario Torelli (Storia degli Etruschi, 1992 [I ed. 1981]): "Questa libertà, di gran lunga maggiore di quella goduta dalle donne di Atene o di Roma, insieme all'uso ellenistico di apporre nelle iscrizioni non solo il patronimico, ma anche il matronimico, ha fatto spesso parlare di un 'matriarcato' etrusco. Ma questa singolare eminenza delle donne in particolari società, come ha ben spiegato D. Musti illustrando il caso per certi versi analogo di Locri Epizefiri, è strettamente connessa con il carattere oligarchico di quelle strutture sociali, in cui, al pari di Sparta (dove pure le donne godevano di ampia 'libertà'), sono dominanti le forme di dipendenza semiservili: società di questo tipo, per la loro stessa natura oligarchica, o per il carattere guerriero delle aristocrazie, sono soggette alla oliganthropìa, alla 'scarsezza di uomini', ossia all'estinzione dei rami maschili delle casate, e possono rimediare a siffatto inconveniente socioeconomico solo attribuendo alla donna status più o meno elevato e condizioni giuridiche più o meno 'libere', e comunque tali da garantire la continuità delle stirpi".

Di Adriano Romualdi è stata riproposta, in una nuova edizione curata da Alberto Lombardo, la raccolta postuma Le ultime ore dell'Europa (Edizioni Settimo Sigillo, Roma 2004, III ed., pp. 176 + XVI ill., € 15,00), che è stata giustamente definita un canto epico dei tempi attuali.

"Ripercorrere la tragica epopea dei combattenti per l'onore dell'Europa – scrive giustamente Lombardo nella prefazione intitolata Adriano Romualdi poeta dell'Europa non è solo un dovere doloroso: è anche il modo di mantenere viva la coscienza del nostro modo di essere, di affermare una continuità ideale con i nostri caduti e di onorarli: per questo dobbiamo tramandare la memoria della Seconda Guerra Mondiale e della caduta del nostro continente. In questo modo al dolore si associa una profonda certezza, che fortifica l'animo: quella di essere gli anelli di una catena che continua a esistere, malgrado tutto, anche in tempi oscuri come gli attuali. Con l'opera di salvaguardia della memoria impediamo che il fango copra la memoria dei nobili: in futuro, forse, i giovani ancora potranno conoscere veri modelli di eroismo e di nobiltà".

A proposito di storia e di memoria, la Seconda Guerra Mondiale ha decretato l'arretramento dei nostri confini orientali con uno dei peggiori casi di pulizia etnica, fino a poco tempo fa colpevolmente sottaciuto, ai danni dei nostri connazionali Istriani e Dalmati costretti, nel migliore dei casi, all'esilio in Patria. Uno di questi esuli, Luigi Tomaz, ha pubblicato un bellissimo e documentato libro di ricostruzione storica di quei territori dal VI secolo prima dell'era volgare ai primi anni dell'XI secolo: In Adriatico nell'Antichità e nell'Alto Medioevo, da Dionigi di Siracusa ai Dogi Orseolo, un'altra faccia della storia (Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – Edizioni Think Adv, Venezia 2003, pp. 646, ill., s.i.p.). Dicevo un libro documentatissimo, ricco di illustrazioni e carte storicogeografiche, che affronta anche la più antica storia degli Istri e dei Liburni. Passando alla romanizzazione, analizza la questione del confine orientale al Tizio (nel periodo fra Cesare ed Augusto) e lo status particolare della Liburnia (ius Italicum – dominium ex iure Quiritium). Per giungere alle conferme dei legami con la Serenissima, dopo aver affrontato i periodi della decadenza e del dominio dei Longobardi, prima, e dei Franchi poi.

A proposito del figlio adottivo di Cesare, è da segnalare Augusto di Augusto Fraschetti (Editori Laterza, Bari 2004, III ed., pp. VIII+184, € 10.00) un'opera di facile lettura (nonostante l'autore sia ordinario di Storia Economica e Sociale del mondo antico presso la Facoltà di Lettere di Roma "La Sapienza") e soprattutto obiettiva. Mi piace ricordare la giusta sottolineatura dei legami che si instaurarono fra la Terra Italia ed il Princeps: "era stata tutta l'Italia nel 32 a.C. a sceglierlo come 'duce', prima di muovere contro Cleopatra e contro Antonio, per rivendicare sotto la sua guida il proprio ruolo e la propria egemonia contro l'Egitto. Appunto in quella circostanza fu pronunciato nei suoi confronti il giuramento di fedeltà dell'Italia (coniuratio Italiae)". Il consenso unanime, totale e incondizionato di tutta l'Italia si manifestò quando si svolsero i comizi per l'elezione di Augusto al pontificato massimo.

Passando dal pontificato al culto imperiale: "la circostanza che Augusto in Italia e nelle province dell'impero potesse essere addirittura venerato come un dio è stata ritenuta una prova ulteriore del decadimento profondo del politeismo pagano, spregiudicatamente disposto per motivi politici a innalzare semplici mortali al rango di divinità".

"Se è vero che il culto imperiale in epoca romana va senz'altro considerato come uno sviluppo del culto dei sovrani di epoca ellenistica, si avrebbe torto tuttavia a ritenerlo – in una prospettiva e in un'ottica profondamente cristiane – indizio di decadenza. Il culto imperiale fu piuttosto la manifestazione di una religiosità cittadina che si esprimeva, non solo nelle province ma anche in Italia, con i mezzi di espressione in suo possesso (l'innalzamento di templi e di statue, le celebrazioni di feste) per dichiarare il proprio lealismo (quello soprattutto dei ceti dirigenti urbani) a Roma e al suo principe. È importante che tutto ciò avvenisse nel contesto di pratiche cultuali esse stesse, come era tipico nella città antica, eminentemente politiche e fondate in quanto tali sulla credenza che il 'buon sovrano' fosse assimilabile alla manifestazione terrena di un dio vero e proprio".

In ogni modo gli imperatori cristiani continuarono ad accettare l'appellativo di divus "fino al VI secolo inoltrato, senza che ciò ponesse loro problemi di sensibilità religiosa", come ricorda Andrea Pellizzari in Servio. Storia, cultura e istituzioni nell'opera di un grammatico tardoantico (Leo S. Olschki, Firenze 2003, pp. XIV+350, € 36.00), un interessantissimo libro dedicato a colui che fu definito da Macrobio, nei Saturnali (un altro pilastro della cultura tardoantica), uno dei maggiori esperti nel campo dell'etimologia.

Il libro di Pellizzari, dopo aver ricostruito i pochi dati della biografia dell'autore dei Commentarii in Vergilii Carmina ed aver affrontato la quaestio dell'identità del Servio Danielino, si occupa, come suggerisce il titolo, dei contenuti enciclopedici della sua opera che ci aiutano a conoscere meglio non solo gli scritti virgiliani, ma a fornire gli elementi per una maggior conoscenza della storia, non solo tardoantica, e della tradizione romana.

Uno dei più famosi pignora imperii cui era connessa la potenza romana è senz'altro il Palladio. Il simulacro di Pallade piovuto dall'Olimpo sul luogo in cui veniva fondata Troia, la cui copia fu trafugata dai Greci e l'originale portato in salvo dal pio Enea in Italia (secondo un'altra versione serviana il vero simulacro rimase nascosto fra le rovine di Ilio, dove, ritrovato da Gaio Flavio Fimbria dopo la guerra mitridatica, fu trasferito definitivamente a Roma). Vengono affrontate anche le problematiche relative al presunto trasferimento del Palladio nella Nuova Roma sul Bosforo, un'"affabulazione" bizantina più tarda.

Le note storiche serviane si proponevano, in primo luogo, "di mantenere viva presso le giovani generazioni la memoria del passato e il suo valore esemplare". Del resto il recupero ideologico del mos maiorum e della prisca virtus erano le linee guida di chi nel IV secolo fece la propria scelta ideologica a favore della tradizione. Ed alla "antichità storica e archeologica" il Pellizzari dedica un lungo e documentato capitolo. Ma quello che forse merita maggiore attenzione è il successivo dedicato alla "sensibilità filosofica e religiosa".

"Il desiderio di salvezza dell'uomo tardoantico" – possiamo leggervi – "fu placato non solo dal ricorso a pratiche cultuali di origine orientale, ma anche da una ripresa di forme antichissime di culto di origine etruscoromana. Benché la religione romana ufficiale – culto più dello stato che degli individui – fosse rimasta estranea a questo fervore religioso, i teologi pagani tradizionalisti cercarono di superare lo svantaggio affiancando alle filosofie e alle religioni salvifiche di ascendenza orientale il recupero di una tradizione nazionale etruscoromana che richiamava in vita i riti e i culti antichi e li rinnovava sincretisticamente secondo i più attuali orientamenti spirituali. Ciò spiega da un lato la reviviscenza di alcuni rituali etruschi tramandati da una letteratura sacra che, al pari delle filosofie e dei culti misterici contemporanei, prometteva salvezza e immortalità a patto che fossero rispettate le pratiche prescritte; dall'altro, il rinnovamento di culti ancestrali romani quali quelli di Giano, della Bona Dea e di Silvano, reinterpretati alla luce delle recenti esigenze spirituali. Proprio il fatto che culti, riti e personaggi divini così antichi ricorrano nei Commentarii di Servio e, parallelamente, in altri documenti letterari coevi, testimonia senza dubbio la loro attualità negli ambienti colti legati al paganesimo, presso i quali il richiamo alla religione tradizionale e alle sue manifestazioni, anche le più desuete, ebbe un forte significato ideologicopolitico in seno alla resistenza pagana".

Servio, come ogni grammatico a Roma, arricchiva con riflessioni di natura filosofica, quando necessario, la sua explanatio testuale e ciò, pur non costituendo esposizioni sistematiche, ne permette la verifica al Pellizzari, il quale, dopo essersi occupato dei culti misterici, si dedica, e sono le pagine per noi più interessanti, ai culti della tradizione etruscoromana. Da una parte la religione etrusca vera e propria (con la divinazione nota a Roma come disciplina Etrusca, definita da Cicerone publica religio del popolo romano), religione "rivelata" dal fanciullo divino Tagete secondo la tradizione orale trasmessa scrupolosamente di generazione in generazione e raccolta anche da Cicerone, dall'altro il revival d'ancestrali culti dell'Urbe. Nella Città, fondata Etrusco ritu, fra il IV e V secolo dell'e.v. i cristiani vedevano negli aruspici dei temibili avversari, mentre l'aristocrazia pagana rafforzava i propri rapporti con loro. Eminenti esponenti della resistenza pagana erano esperti di cose etrusche e dei riti tramandati dal primus aruspex Numa Pompilio. Tra questi è da ricordare Vettio Agorio Pretestato: "augure, pontefice e XVvir sacris faciundis, e uno dei suoi atti pubblici di prefetto urbano del 367368 fu il restauro del tempio degli Dei Consentes, che avevano parte, secondo la tradizione, nella disciplina fulgurale etrusca. La sua attività di sacerdote e cultore pubblico dei sacra degli Etruschi si accompagnava poi allo studio 'privato' dell'aruspicina e della scienza augurale". Nonostante le persecuzioni da parte degli imperatori cristiani e la distruzione dei testi sacri della disciplina Etrusca (avvenuta unitamente a quella dei libri Sibyllini), in occasione del primo assedio alariciano di Roma furono chiamati alcuni aruspici etruschi a celebrare nell'Urbe i loro riti sacri per impetrare la liberazione della città, poiché il rispetto della tradizione aveva salvato Narni dal medesimo pericolo. L'ultimo, anch'esso ricco, capitolo del libro del Pellizzari è dedicato alla "Biblioteca" di Servio, cioè agli auctores presenti nell'Opera serviana, dagli antichi scrittori ai suoi contemporanei1.

Gli stati territoriali nel mondo antico, a cura di Cinzia Bearzot, Franca Landucci, Giuseppe Zecchini (Vita e Pensiero, Milano 2003, pp. VIII+360, € 28,00), primo della nuova serie di Contributi di storia antica che si pongono come naturale proseguimento dei ben noti Contributi dell'Istituto di Storia antica (CISA), è un volume articolato in due parti, intitolate rispettivamente Pensiero politico e sovranità territoriale e La realtà territoriale: alcuni esempi. La prima parte vuole contribuire alla comprensione dell'evoluzione di alcuni concetti politici, mentre la seconda è dedicata all'analisi di una gran varietà di casi specifici che vanno dall'età arcaica alla tarda antichità. Fra i vari contributi mi limito a segnalare, senza voler essere un giudizio di merito per gli interventi d'altri autori, quello di Marta Sordi2, Terra Etruria e Terra Italia3. Tra l'altro l'Autrice ricorda che secondo Mirsilo di Metimna (FgrHist 477 F8) "i Tirreni abitavano in Italia in età antichissima e di là (...) si erano diffusi, col nome di Pelasgi, in Grecia e nel paese dei barbari". E poco dopo: "Il motivo dell'autoctonia degli Etruschi affermato da Dionigi insieme alla loro antichità è presente (...) già in Mirsilo, secondo il quale, però, i Pelasgi, un popolo ritenuto antichissimo già da Omero, che le fonti greche rivelano presente in piena età storica in tutto il bacino dell'Egeo e, in età protostorica, in Tessaglia, nel Peloponneso e in altre regioni della Grecia, viene ritenuto 'discendente' dai Tyrrenoi e da essi derivato in seguito a migrazioni".

Per concludere segnaliamo Astronomia etruscoromana di Leonardo Magini ("L'Erma" di Bretschneider, Roma 2003, pp. 164, ill., s.i.p.), forse lavoro conclusivo della sua ricerca sui nostri antichi calendari, nel quale riunisce e rielabora testi apparsi o come capitoli di precedenti lavori (Le feste di Venere – Fertilità femminile e configurazioni astrali nel calendario di Roma antica, Roma 1996, che consigliamo, e Astronomy and Calendar in Ancient Rome – The Eclipse Festivals, Roma 2001) o come relazioni di convegni o trattazioni di seminari e lezioni in varie Università. Il volume è arricchito da molte illustrazioni4 e tabelle propedeutiche alla esposizione. Vengono rivelati i legami tra l'anno (ed il ciclo) numano ed i moti della luna e di Venere, delle eclissi di sole e di luna, il ciclo di Saros (il periodo di tempo più breve dopo il quale le eclissi di luna e di sole tornano a verificarsi quasi con la stessa cadenza), non disconoscendo il linguaggio del mito e dell'arte classica: "segni chiari della sapienza astronomica e matematica dell'ignoto ideatore del calendario e del ciclo numani...a Roma c'è qualcuno che osserva le stelle, e che intende continuare a osservarle; e questo già prima del 576 a.C., anno in cui il primo re etrusco Tarquinio Prisco inizia la costruzione del nuovo tempio intitolato alla triade capitolina, a Giove, Giunone e Minerva". Gli allineamenti del tempio capitolino e della levata vespertina di Arturo "rispondono alla divisione in sedici parti dei 360‹ del cerchio dell'orizzonte prevista dalla cosiddetta Disciplina etrusca".

Purtroppo "pian piano, l'inesorabile scorrere del tempo deforma una visione del mondo ricca e articolata, armoniosa e appagante. La perdita di conoscenza, di comprensione e di memoria, unita al passaggio da una cultura all'altra, la immiserisce, fino a farle smarrire quasi del tutto il proprio straordinario valore originario. Gli ultimi relitti superano la barriera dei secoli in condizioni tali da essere pressoché irriconoscibili e incomprensibili, non conservando più nient'altro che misere tracce di quella che fu una maestosa, sfolgorante concezione dei rapporti tra l'uomo e il cosmo".

MARIO ENZO MIGLIORI

_______________________________________________

1 Stranamente il Pellizzari identifica nel Sallustio dei Contorniati lo storico repubblicano senza fare invece riferimento all'Autore del De diis et mundo (cfr. ns. recensione in "Arthos", n.s. IV, 7/8, pp. 289291), mentre gli stessi giudizi degli ultimi esponenti dell'aristocrazia pagana da lui citati testimoniano contro una tale identificazione.

2 Ricordiamo la ns. recensione a Marta SORDI, Il mito troiano e l'eredità etrusca di Roma, in "Arthos", 3334 (19891990), p. 191.

3 Sulle valenze di tali termini cfr. Pierangelo CATALANO, Aspetti spaziali del sistema giuridicoreligioso romano. Mundus, templum, urbs, ager, Latium, Italia, "Aufstieg und Niedergang der Roemischen Welt", Band II.16.1, Berlin – New York 1978, pp. 440553.

4 Unica nota stonata la didascalia alla fig. 48. Le divinità rappresentate in tale calendario in realtà sono: Saturno, Apollo (Sole), Diana (Luna), Marte, Mercurio, Giove e Venere.

 

 


Risorse Web
Collegamenti
Mailing List
Forum

 

Design © 2009 Esposito Marco.